“L’ Europa non potrà farsi in una sola volta, né sarà costituita tutta insieme. Essa sorgerà da realizzazioni concrete che creino anzitutto una solidarietà di fatto.“ (Robert Schuman, 9 maggio 1950).
Il prossimo 25 marzo,  i 27 leader degli Stati membri dell’Unione Europea si riuniranno  a Roma all’insegna della pace e dell’amicizia per celebrare il sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. L’incontro di Roma, oltre a ricordare l’anniversario dei Trattati,  sarà anche un momento per riflettere con orgoglio sulle nostre conquiste, ricordare i valori che ci accomunano, l’occasione per segnare l’inizio di un nuovo capitolo: dobbiamo prepararci ad affrontare notevoli sfide che riguardano la nostra sicurezza, il benessere dei cittadini e il ruolo che l’Europa è chiamata a svolgere in un mondo sempre più multipolare.

Un’Europa unita a 27 deve forgiare il proprio destino e delineare una visione per il suo futuro.

Il “Libro bianco sul futuro dell’Europa” è il  contributo della Commissione europea a questo nuovo capitolo del progetto europeo: un processo in cui l’Europa decida che strada percorrere, delineare le sfide e le opportunità che si presentano e in che modo possiamo scegliere collettivamente di rispondere.

Il documento predisposto dalla Commissione individua i fattori di cambiamento del prossimo decennio e presenta una serie di scenari per la possibile evoluzione dell’Europa di qui al 2025; così facendo, avvia un dibattito che dovrebbe permettere di concentrarsi sulle priorità e di trovare nuove risposte a un annoso interrogativo: che futuro desideriamo per noi, i nostri figli e la nostra Unione?
I cinque scenari hanno necessariamente natura illustrativa e intendono stimolare la riflessione: non sono progetti dettagliati, né prescrizioni per politiche future; allo stesso tempo, per scelta non fanno riferimento a processi giuridici o istituzionali. L’esito finale sarà indubbiamente diverso da quello prospettato nel documento; gli Stati dell’UE27 sceglieranno insieme la combinazione delle caratteristiche dei cinque scenari che giudicheranno più adatte a far progredire il nostro progetto nell’interesse dei cittadini.

Il Libro Bianco è stato distribuito, in occasione dell’incontro “Cultura in Europa” promosso da Atelier Europeo, lo scorso lunedì 6 marzo, ospite l’Europarlamentare Luigi Morgano.
L’associazione Atelier Europeo è a disposizione per organizzare occasioni di approfondimento per riflettere, con i cittadini, sul futuro dell’Europa. Il testo completo del “Libro bianco sul futuro dell’Europa” è consultabile sul sito della Commissione europea.

Share This

Share this post with your friends!