Ricevendo il Premio Carlo Magno, da parte delle più alte autorità dell’Unione Europea il 6 maggio di quest’anno, Papa Francesco ha lanciato un allarme e un rimprovero per le occasioni che stiamo perdendo: “Che cosa ti è successo, Europa dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Europa madre di popoli e nazioni, di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?“. “Occorre”, ha detto citando Elie Wiesel, “una trasfusione di memoria“.

Questa “trasfusione” ci permette non solo di ricordare le idee e le realizzazioni dei Padri fondatori, (nei giorni scorsi si è tenuto a Ventotene l’incontro fra Renzi, Merkel e Hollande, per ricordare e ripensare le idee il progetto di Europa federale, elaborato nel 1941 in prigione da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, Eugenio Colorni) ma anche di “aggiornare” l’idea di Europa. “Un’Europa capace di dare alla luce un nuovo umanesimo basato su tre capacità: la capacità di integrare, la capacità di dialogare e la capacità di generare”.

Queste indicazioni del Papa sono anche un’ottima guida perché le scuole affrontino, nei PTOF di quest’anno scolastico, qualcuno dei sei progetti, con relativi concorsi, lanciati il 6 settembre dal MIUR, in collaborazione con Camera e Senato, con l’obiettivo di avvicinare i giovani ai valori e ai principi della Carta costituzionale. Questi progetti, è scritto, sono “tutti a sostegno dell’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione” nelle scuole e nati dalla consapevolezza che si diventa veri cittadini, partecipi e responsabili, a cominciare dalle aule scolastiche“. Si tratta di iniziative che si basano su esperienze pluriennali e che presentano quest’anno significative innovazioni.

Noto di sfuggita che questo è anche l’anno in cui si affronterà tra novembre e dicembre la prova del referendum costituzionale e che i problemi, istituzionali, indissociabili da quelli europei e mondiali, non debbono lasciare le scuole indifferenti.

Gli estremi del concorso sono resi disponibili sui siti delle tre Istituzioni. In particolare in occasione della ricorrenza del sessantesimo anniversario dalla firma dei Trattati di Roma (25 marzo 1957), nel corso della cerimonia finale del Concorso sarà conferito un premio alla scuola che avrà presentato un progetto che illustri l’articolo 11 della Costituzione, con particolare riferimento alle istituzioni dell’Unione europea.

 Luciano Corradini

Share This

Share this post with your friends!