Atelier Europeo è giunto al terzo esercizio e ha predisposto il “Bilancio di Missione 2016” un documento  di sintesi dell’attività svolta che risponde ai bisogni informativi dei clienti e degli stakeholder. Con il presidente di Atelier Europeo Giovanni Marelli facciamo il punto sull’attività svolta e scopriamo i tratti salienti del documento.

Perché un Bilancio di Missione per Atelier Europeo?

«Attraverso questo strumento di rendicontazione cerchiamo di comunicare in modo chiaro e trasparente il nostro operato dal punto di vista dell’utilità sociale: fornendo informazioni sulle attività svolte, i risultati raggiunti, le modalità con cui si sono ottenuti e la relativa efficacia».

Ci può presentare l’attività svolta da Atelier Europeo?

«La nostra associazione supporta le realtà non profit, gli enti pubblici e le imprese nelle richieste di contributo agli enti di erogazione in generale e all’Unione Europea in particolare. Ma organizza anche eventi, corsi di formazione e momenti di incontro per far conoscere ai cittadini le opportunità offerte dall’Europa. In particolare nel 2016 abbiamo realizzato sei corsi di formazione e sette eventi informativi. Sul fronte della comunicazione gestiamo due siti internet: www.ateliereuropeo.eu e www.angeloeuropeo.eu e pubblichiamo ogni giorno un video, sulle tematiche europee, sui social Facebook, Instagram e YouTube; mentre sui quotidiani  siamo apparsi con quarantacinque articoli».

Sul fronte della progettazione quali risultati avete ottenuto?

 «Operiamo principalmente su bandi europei ma anche su bandi locali. Da quando Atelier è nato nel 2013 si è aggiudicato ben 50 progetti. Nel 2016 abbiamo presentato 64 progetti; le somme richieste agli enti erogatori ammontano a oltre 12 milioni di euro. Al 30 aprile scorso risultano valutati oltre 10 milioni di progettato e vinti 23 progetti per un valore complessivo di € 5.029.413. Nel 2016 abbiamo vinto il 51% dei progetti valutati. Questi dati testimoniano che l’abitudine al risultato non è occasionale, ma si sta consolidando e si presume che il trend continui anche grazie al secondo Master in Europrogettazione, uno dei nostri punti forti, che formerà quindici giovani verso una professione ricca di soddisfazioni».

Share This

Share this post with your friends!